Il costo di un sito Web. Parte 3 di 5

di Marco Barontini

Nella seconda parte di questo articolo abbiamo analizzato i costi di registrazione di un dominio internet. Abbiamo inoltre visto come sia possibile utilizzare dei servizi gratuiti per ospitare le pagine del sito che andremo a realizzare e come questi possano essere convenienti per siti di piccole o medie dimensioni.

link sponsorizzati

Prima di procedere oltre, ritorniamo però ad un argomento che avevo lasciato in sospeso: l'ampiezza di banda. Come vi dicevo i fornitori di spazio web gratuito (ma in taluni casi anche quelli che si fanno pagare) di solito concedono una quantità di spazio dell'ordine di alcune decina di Megabyte e una banda limitata.

Cosa significa "banda limitata"?

Significa che (sempre per fare un esempio pratico) al sito che vi ho citato in precedenza marbaro.axspace.com è concessa una banda mensile di 2 Gigabyte (2.000.000.000 byte), che tradotto in quantità giornaliera fa 66Megabyte (2.000.000.000 byte / 30 giorni = 66.666.666 byte/giorno ossia 66MegaByte al giorno). Ora, per ipotesi, se quel sito fosse costituito da una sola pagina di dimensioni pari ad 1 Megabyte, quella pagina potrebbe ricevere, in una giornata, al massimo 66 visite! Il 67esimo visitatore non vedrebbe nulla o al più un messaggio di avviso che lo informa che quel sito ha superato il limite di banda consentito giornalmente e pertanto non è più raggiungibile fino all'indomani.

Ora di norma una pagina web "normale" non pesa mai così tanto (tutte le pagine, le immagini e i file scaricabili contenuti in questo sito "pesano" complessivamente meno di 10Megabyte). Considerando che la media delle pagine visualizzate da ogni visitatore di questo sito è pari a 2,5 (che tradotto in "peso" equivale a circa 300 Kilobyte scaricati da ogni visitatore), capite bene che il numero di visitatori "possibili" nell'arco di una giornata cresce abbastanza. Pur tuttavia moltiplicando la media dei visitatori al giorno di questo sito (300) per la media della quantità di dati scaricati ad ogni visita si ottiene: 300 * 300.000 byte = 90.000.000 byte, cioè 90 MegaByte! Ciò significa che la soluzione gratuita offerta da axspace.com avrebbe permesso a questo sito di ricevere non più di circa 200 visitatori al giorno. Gli altri non lo avrebbero potuto raggiungere.

A questo punto mi devo scusare di avervi tediato con tutte queste cifre ma mi erano d'obbligo per cercare di farvi capire meglio alcuni dei tecnicismi che ci sono dietro le quinte di un sito web e per farvi comprendere meglio il valore della spesa che andrete ad affrontare.

Bene, riprendiamo il discorso. Siamo arrivati al punto che, euro + euro -, abbiamo capito che ci occorrono almeno 30 all'anno per avere: il nome del dominio per il nostro sito Web, uno spazio a disposizione dove collocare le nostre pagine e un certo numero di caselle di posta elettronica. Questo è il costo minimo (annuo) che dobbiamo affrontare per avere una presenza sul Web che inizi a considerarsi "professionale".

Perchè ho parlato di "costo minimo annuo"?
Semplicemente perchè se ripensate alle domande che ci siamo posti all'inizio, questa affermazione risponde solo alla domanda n. 1. Se vogliamo che il nostro sito sia anche aggiornabile in maniera frequente o debba svolgere anche un ruolo di commercio elettronico (e-commerce) la soluzione "base" sicuramente non è sufficiente. E allora si deve ricorrere ad altri tipi di servizi (che normalmente tutti i fornitori di servizi Internet mettono a disposizione) che hanno costi molto più elevati. Diciamo che si può andare anche dai 10-20 euro/mese aggiuntivi in su (e badate bene ho parlato di "mese").

Per ritornare all'esempio del concessionario di auto: adesso abbiamo la targa e il telaio della nostra autovettura. Manca però il "motore" cioè le pagine web che ci facciano "funzionare" il nostro sito e la carrozzeria, ossia tutto quell'insieme di colori e grafica che ci contraddistiguerà. Abbiamo 2 possibilità:

1) soluzione "fai da te"

2) affidarsi ad un professionista

link sponsorizzati
Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sul tuo social preferito