Quanto costa realizzare un sito Web? Parte 5 di 5

Nei precedenti articoli abbiamo visto che il costo minimo da sostenere per un sito Web oscilla tra i 30 e 50 euro all'anno. Abbiamo anche visto che in questa cifra è incluso: la registrazione del nome a dominio (ad esempio: www.ilmiosito.it) e lo spazio sul quale depositare le nostre pagine Web, oltre ad un certo numero di caselle di posta elettronica e altri servizi che possono variare in funzione del fornitore prescelto.
Affrontiamo adesso un ultimo argomento per chiudere questa serie di articoli sui costi e le modalità di realizzazione di un sito internet.

link sponsorizzati

Quali sono i tempi richiesti per la creazione di un sito Web?

Anche in questo caso la risposta più appropriata è "Dipende..."!
Dipende da quanto e da quale materiale volete inserire nel vostro sito Web.

Considerate che un buon professionista deve entrare "in sintonia" con voi per capire al meglio le vostre esigenze e ciò comporta una serie di incontri tra voi e lui in modo da dettagliare tutti gli aspetti che vi interessano.

La realizzazione di una homepage (la pagina principale o "porta di accesso" del vostro sito) può richiedere da poche ore di lavoro ad alcune giornate. Ricordatevi che la prima impressione è quella che conta! Una homepage ben costruita, dall'aspetto gradevole e contenente informazioni chiare ed esaustive sulla vostra attività può fare la differenza: tra colui che si fermerà ad osservare se quello che sta cercando può trovarlo sul vostro sito e il navigatore che dopo una rapida occhiata lascerà il vostro sito in cerca d'altro.

Per il mio modo di lavorare, di solito mi occorrono: almeno un paio di incontri di qualche ora per redigere una prima bozza cartacea delle funzionalità del sito, dai 2 ai 4 giorni (a volte anche di più) per creare alcune bozze grafiche del sito (molto dipende se "ho carta bianca" o se mi devo attenere a degli schemi già esistenti emersi durante gli incontri), ancora un paio di incontri per stabilire quale bozza sia la più funzionale e di gradimento del committente, 1 o 2 giorni per creare una prima "ossatura" del sito. A questo punto si tratta di inserire tutti i documenti e le immagini che il committente vuole pubblicare sul suo sito e diciamo che, a grandi linee, possono essere necessari dai 2 ai 4 giorni di lavoro per creare un sito di una decina di pagine (non si tratta di un semplice copia&incolla come molti pensano, le foto vanno dimensionate in maniera corretta e spesso "cozzano" con l'impaginazione del testo per cui diventa necessario rivedere quest'ultimo se non addirittura l'intera architettura della pagina). Saranno poi necessari altri incontri per i controlli e le ultime "rifiniture" per un totale quindi di almeno 2/3 settimane di lavoro.

Naturalmente, tutto questo può variare in funzione del fatto che ci possono essere più persone al lavoro sullo stesso progetto (un grafico che cura i colori e l'espetto delle vostre pagine web, un editor che pensa ai contenuti, uno sviluppatore che si occupa della scrittura del codice necessario all'impaginazione dei contenuti).

Ultimo (ma non per importanza) argomento: Google e i motori di ricerca.

Credo che sia superfluo dire che Google è il motore di ricerca più usato dai navigatori del Web. Basti pensare che le visite a questo sito provengono per il 90% da motori di ricerca. Di questo 90%, i 9/10 sono visite provenienti da ricerche fatte tramite Google.

Non basta essere presenti sul web, bisogna anche farsi trovare. E per farsi trovare bisogna essere presenti su Google in particolar modo.

Mi direte: ma se Google è un motore di ricerca, sarà lui a girare per il web in cerca di nuovi siti e, prima o poi, troverà anche il mio sito e lo metterà nella sua memoria e lo mostrerà ai suoi utenti.

Osservazione legittima e pertinente, tuttavia dovete tenere conto che Google indicizza (questo è il termine corretto) milioni di siti e se volete "uscire" al posto giusto (cioè nelle prime pagine di ricerche pertinenti alla vostra attività) non basta avere delle belle pagine web, bisogna che queste siano anche fatte con determinati accorgimenti che facciano si che Google (e i motori di ricerca in generale) capiscano di cosa state trattando.

Ma questo è un argomento complesso che tratterò in un articolo a parte.

In questo contesto mi preme sottolineare il fatto che se il vostro obiettivo è anche quello di farvi trovare a maggior ragione dovete affidarvi ad un professionista serio e competente (tutto quello che ho detto finora non deve essere inteso come pubblicità indiretta a me stesso, io non sono un libero professionista ma soltanto una persona che lavora da anni in questo settore, e, modestamente, credo di farlo anche con coscienza e professionalità). Sappiate che errori di valutazione in questo senso possono portare alla completa scomparsa del vostro sito dai motori di ricerca.

Spero di essere stato utile (ma sopratutto comprensibile) con questo mio modo di affrontare l'argomento e di non aver urtato la suscettibilità di alcuno. Se lo avessi fatto, potete inviarmi una email all'indirizzo: info@marbaro.it. Ne terrò sicuramente di conto.

Marco [Mar::Baro] Barontini

link sponsorizzati
Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sul tuo social preferito