Le zucchine

Inserita il: 14.7.2016 da
Zucchine in cucina

Le zucchine sono originarie dell’America Centrale, la pianta arrivò infatti in Europa successivamente al 1500, dopo la scoperta del nuovo continente. Oggi invece rappresentano un ingrediente molto utilizzato nella preparazione di numerose ricette della nostra cucina. Anche se ormai le zucchine sono presenti sui banchi dell'ortofrutta quasi tutti mesi dell'anno sono tuttavia connotate per essere un prodotto tipicamente primaverile-estivo. La stagionalità delle zucchine va infatti da maggio-giugno fino a settembre, può arrivare fino ottobre se il clima si mantiene particolarmente mite, la pianta infatti soffre moltissimo le brinate e le basse temperature, tipiche dei primi mesi autunnali, che possono arrivare a provocarne la morte. Con le coltivazioni in serra, o in zone con climi non particolarmente rigidi, si possono avere i primi raccolti già da aprile che possono poi proseguire fino quasi a dicembre.

link sponsorizzati

Sono conosciute per la loro ricchezza di sali minerali, che ne accentua le proprietà diuretiche, difficilmente disponibili in altri alimenti così poco calorici. Contengono inoltre potassio ma anche fosforo e calcio, oltre ad una discreta quantità di fibra da cui deriva il senso di sazietà che sanno conferire. Il contenuto molto basso di zuccheri complessi le rendono inoltre un alimento adatto a chi segue regimi dietetici ipocalorici.

Le zucchine in cucina

Per mantenere intatti i benefici nutrizionali sarebbe buona regola consumare le zucchine crude, tagliate a fettine sottili o a cubetti da aggiungere a un’insalata. Devono però essere freschissime. Scegliete con cura quelle da acquistare: la zucchina deve essere soda e lucente e la superfice non deve presentare macchie o ammaccature. Preferite quelle con il fiore ancora attaccato che deve essere fresco e rigoglioso e non presentare segni di appassimento. Le zucchine si conservano per pochissimi giorni in frigo, dopodiché la parte esterna inizia a perdere la lucentezza e a presentare macchie più scure. Il sapore diventa poi amarognolo e poco gradevole anche dopo la cottura.

In cucina tuttavia le zucchine possono darci davvero tantissime possibilità: cotte al vapore, lessate, fritte o grigliate; ottime per  condire la pasta o i risotti in abbinamento a carne o pesce. Sono un ottimo ingrediente per torte salate, si possono passare in forno  arrotolate con prosciutto e mozzarella per creare degli stuzzichini davvero appetitosi. Ma il piatto forte di questo ortaggio è senz’altro la frittata di zucchine:  un piatto veloce e nutriente, che si può consumare anche freddo. Le zucchine ripiene rappresentano poi un secondo sostanzioso e completo, lesse, fritte o gratinate sono un ottimo contorno per piatti a base di carne ma la loro versalità gli consente di entrare anche nei primi piatti come paste, minestre o passati di verdure.

Il fiore della zucchina poi è spesso utilizzato, in molte regioni italiane come contorno, fritto, con o senza pastella o ripieno di carne e verdure come secondo piatto.

Valori nutrizionali delle zucchine

100 grammi di zucchine crude contengono circa il 95% di acqua, 1,5 grammi di proteine e altrettanti di carboidrati, mentre i grassi sono meno di 0,1 grammi. Non è presente colesterolo. Le fibre contenute  sono poco più dell’1%, contengono però molto potassio e in misura minore vitamina A, C e acido folico. Con un bassissimo apporto calorico, circa 12 calorie per 100 grammi di prodotto, sono sicuramente un ingrediente importante nella dieta estiva che richiede idratazione e vitamine.

link sponsorizzati

Ti potrebbe interessare

 

Se ti è piaciuta questa ricetta condividila sul tuo social preferito